Disgrafia

Cos’è la Disgrafia?

La Disgrafia è un Disturbo dell’Apprendimento che interessa l’atto dello scrivere, un processo motorio complesso.  Le persone con disgrafia possono avere difficoltà nell’organizzare lo scritto nello spazio del foglio oppure nel compiere in modo corretto ed efficiente gli atti motori necessari affinchè le lettere e le parole prodotte siano leggibili.

La Disgrafia in sintesi

  • Disgrafia è il nome di uno specifico disturbo dell’apprendimento della scrittura
  • La Disgrafia emerge nella fase di apprendimento della scrittura e si manifesta differentemente nell’arco del ciclo di vita della persona
  • La Disgrafia si manifesta con difficoltà di diverso grado della realizzazione dell’atto motorio dello scrivere
  • La Disgrafia non è il risultato di un’istruzione inadeguata
  • La Disgrafia non dipende da fattori culturali od economici
  • Con i giusti supporti, quasi tutti gli individui con Disgrafia possono diventare degli efficaci scrittori

Per approfondire…

logogen-4Come le altre difficoltà di apprendimento la disgrafia è un disturbo evolutivo neurobiologico cioè correlato al funzionamento di meccanismi cerebrali e non a pigrizia dello studente.

La disgrafia non è una manifestazione di ritardo mentale né il risultato di deficit visivi, uditivi o motori. I bambini e gli adulti con disgrafia hanno semplicemente un disordine neurologico per il quale il cervello elabora, interpreta e produce i segni della scrittura in modo differente.

Quali sono i campanelli d’allarme della Disgrafia?

Avere una brutta calligrafia non vuol dire necessariamente che una persona sia disgrafica. Poiché la scrittura è un processo dello sviluppo, i bambini imparano i movimenti necessari per scrivere e, mentre imparano i processi di pensiero necessario per comunicare tramite un foglio, le difficoltà possono sovrapporsi ed essere varie.

Età prescolare

Difficoltà nel:

  • Avere una impugnatura corretta della penna e della matita
  • Avere una posizione adeguata del corpo mentre si scrive
  • Colorare o scrivere all’interno di margini
  • Scrivere velocemente

Bambini in età scolare

Difficoltà nel:

  • Nel formare correttamente le lettere
  • Lasciare il giusto spazio tra le lettere e le parole
  • Distinguere le lettere maiuscole e minuscole
  • Avere una calligrafia leggibile
  • Utilizzare un solo carattere
  • Dire le parole ad alta voce mentre si scrive
  • Accorgersi di aver omesso o non completato alcune parole all’interno della frase

Ragazzi e Adulti

Difficoltà nel:

  • Organizzare i pensieri su un foglio
  • Concentrarsi tanto sulla scrittura che sulla comprensione di ciò che si è scritto

La Disgrafia può influenzare la vita del bambino in molti aspetti, per questo è importante conoscere le conseguenze di questo disturbo così da poterle ridurre. Ecco alcune difficoltà che il bambino può incontrare e alcuni consigli per aiutarlo.

  • Il tuo bambino si frustra facilmente di fronte a dei compiti scritti, fino ad arrabbiarsi.Per i bambini con disgrafia, la scrittura può essere un processo lento e difficile. Essere sotto pressione mentre si scrive può portare ad ansia.Come si può aiutare: rendere la scrittura più divertente con attività rilassanti e giocose.
  • Il tuo bambino parla in modo vago o gira intorno alle cose.I bambini con disgrafia possono avere difficoltà di elaborazione del linguaggio, che può rendere difficile esprimere le proprie idee.Come si può aiutare: Incoraggiare la capacità argomentativa e narrativa utilizzando giochi che possono aiutare il bambino a diventare un comunicatore migliore.
  • Il bambino ha perso la fiducia in se stesso e spesso dice “Io non sono bravo scuola”.I bambini con disgrafia possono sentirsi diversi dagli altri e si preoccupano di non essere abbastanza intelligenti. Tutto ciò porta ad avere scarsa fiducia in se stessi.Come si può aiutare: Incoraggia tuo figlio a scegliere delle attività di doposcuola che si basano sui suoi punti di forza. Ottenere dei buoni risultati può contribuire a rafforzare la fiducia del bambino e l’autostima.

Come è trattata la Disgrafia?

Le linee guida per i DSA evidenziano la necessità di un intervento precoce che tenga conto della tipologia di disturbo della scrittura che il bambino presenta. Adulti con disgrafia non identificata spesso lavorano in contesti che non sfruttano a pieno le loro capacità intellettive. Con l’aiuto di insegnati, tutor, logopedisti e altre figure professionali, possono esserci molti miglioramenti. Le tecniche riabilitative, infatti, insieme ad una buona collaborazione con la famiglia e la scuola, oltre all’eventuale uso di strumenti compensativi, sono condizioni necessarie per un intervento efficace. Una volta fatta la diagnosi è compito degli specialisti che seguono il bambino, in seguito al coinvolgimento e accettazione dei genitori, guidare la scuola nella predisposizione di un Piano Didattico Personalizzato (PDP). La realizzazione del PDP implica l’adozione di tutte le misure dispensative e compensative, appropriate all’entità ed al profilo della difficoltà e coerentemente con quanto indicato dalle note ministeriali.

Al fine di rendere efficace il PDP è necessario che ci sia collaborazione e condivisione nell’individuazione di tali misure e nella stesura del PDP da parte della famiglia, del ragazzo, dello specialista e della scuola.